Le istituzioni finanziarie napoletane rappresentavano un vulnus nella strategia delle entrate fiscali della corona di Spagna. Se ogni entitá territoriale della polisinodia spagnola doveva contribuire al mantenimento finanziario dell'impero, tutte le istituzioni finanziarie dei diversi territori dovevano garantire un costante afflusso di risorse e per poter ottenere questo risultato dovevano essere le più efficienti possibile. Napoli però, pur rappresentando una sorta di "gallina dalle uova d'oro", non trasferiva alla corona risorse secondo le sue reali possibilitá e buona parte di queste si perdevano in mille rivoli. Lo stesso Mercurino Gattinara, gran Cancelliere della corte di Carlo V, dopo una diagnosi sulla corruzione dei funzionari napoletani e sul disordine giudiziario e finanziario, enunciò i capisaldi della linea imperiale per il Regno: lotta a fondo a qualsiasi spinta autonomistica; salde direttive dal centro alla periferia; pressione finanziaria. Il lavoro mette in evidenza il sistema della tassaione del Regno di Napoli e i diversi tentativi di riforma che si tentò di attuare durante il viceregno spagnolo.

La burocrazia delle entrate. Fiscalità e visitas nella Napoli del 500

PATISSO, GIUSEPPE
2003

Abstract

Le istituzioni finanziarie napoletane rappresentavano un vulnus nella strategia delle entrate fiscali della corona di Spagna. Se ogni entitá territoriale della polisinodia spagnola doveva contribuire al mantenimento finanziario dell'impero, tutte le istituzioni finanziarie dei diversi territori dovevano garantire un costante afflusso di risorse e per poter ottenere questo risultato dovevano essere le più efficienti possibile. Napoli però, pur rappresentando una sorta di "gallina dalle uova d'oro", non trasferiva alla corona risorse secondo le sue reali possibilitá e buona parte di queste si perdevano in mille rivoli. Lo stesso Mercurino Gattinara, gran Cancelliere della corte di Carlo V, dopo una diagnosi sulla corruzione dei funzionari napoletani e sul disordine giudiziario e finanziario, enunciò i capisaldi della linea imperiale per il Regno: lotta a fondo a qualsiasi spinta autonomistica; salde direttive dal centro alla periferia; pressione finanziaria. Il lavoro mette in evidenza il sistema della tassaione del Regno di Napoli e i diversi tentativi di riforma che si tentò di attuare durante il viceregno spagnolo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/106883
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact