La limitatezza dell'uomo e del mondo in Seneca e Gregorio Magno