Il privilegio di Alessandro II per l'arcivescovo Arnaldo di Acerenza (JL. 4647)