Dal "Cuore" di De Amicis alla "Testa" di Mantegazza: verso quale continuità di intenti ideologici ed educativi?