Guardare il mondo con occhi spalancati. Propedeutica per una fenomenologia del cinema