Identità multiple e azione collettiva. Il caso del movimento no global