La statistica di Einstein e la seconda quantizzazione: quale continuità?