Boccaccio teatrale, Shakespeare narrativo: lo spessore della fiction