Tommaseo, il Commento a Dante e le forme letterarie della politica