Un saggio sul teatro scritto in camerino: Mishima Yukio e la morte del teatro ideale