Ripercorsa l’evoluzione di cui è stato protagonista il principio di ragionevolezza nella giurisprudenza costituzionale, sino agli approdi più recenti in punto di applicazione retroattiva della lex mitior e di sindacato delle norme penali di favore, l’Autore formula un'ipotesi ricostruttiva che visualizza uno scenario dove alcuni principi, tradizionalmente assunti come precipua fisionomizzazione del ''volto costituzionale'' dell'illecito penale, diventano criteri di misura già della ragionevolezza dell'illecito punitivo-afflittivo (personalità, determinatezza, proporzione), a prescindere dalla “etichetta formale”, mentre altri - segnatamente, la necessaria offensività di un bene di rilievo costituzionale - rappresentano presupposto peculiare di ragionevolezza al cospetto del solo illecito, sostanzialmente e formalmente, penale. Alla stregua di una simile prospettazione della ragionevolezza, quale principio modulare e concentrico, ne vengono individuate le possibili implicazioni, evidenziandosi, in particolare, i non trascurabili riflessi sul fronte della giustiziabilità di taluni principi garantistici che, tendenzialmente ridotti a semplici criteri argomentativi, potrebbero, per l’effetto, vedersi restituito vigore dimostrativo.

Attualità e prospettive del controllo di ragionevolezza in materia penale

MANES, Vittorio
2007

Abstract

Ripercorsa l’evoluzione di cui è stato protagonista il principio di ragionevolezza nella giurisprudenza costituzionale, sino agli approdi più recenti in punto di applicazione retroattiva della lex mitior e di sindacato delle norme penali di favore, l’Autore formula un'ipotesi ricostruttiva che visualizza uno scenario dove alcuni principi, tradizionalmente assunti come precipua fisionomizzazione del ''volto costituzionale'' dell'illecito penale, diventano criteri di misura già della ragionevolezza dell'illecito punitivo-afflittivo (personalità, determinatezza, proporzione), a prescindere dalla “etichetta formale”, mentre altri - segnatamente, la necessaria offensività di un bene di rilievo costituzionale - rappresentano presupposto peculiare di ragionevolezza al cospetto del solo illecito, sostanzialmente e formalmente, penale. Alla stregua di una simile prospettazione della ragionevolezza, quale principio modulare e concentrico, ne vengono individuate le possibili implicazioni, evidenziandosi, in particolare, i non trascurabili riflessi sul fronte della giustiziabilità di taluni principi garantistici che, tendenzialmente ridotti a semplici criteri argomentativi, potrebbero, per l’effetto, vedersi restituito vigore dimostrativo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/103775
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact