Descrizione e metafora nella "Vie sur Epsilon" di Claude Ollier