Con le due sentenze commentate la Corte di cassazione esamina la validità del contratto di locazione nel caso in cui il bene immobile sia abusivo e di impossibilità sopravvenuta del godimento. L’abusività non causa illiceità dell’oggetto e della causa; non è configurabile come vizio della cosa locata e non altera l’integrità del sinallagma contrattuale. In assenza di godimento, anche di mero fatto, per impossibilità di utilizzazione diretta o indiretta del bene, è applicabile la disciplina generale dell’art. 1463 c.c.

L'elasticità del sinallagma sotteso al contratto di locazione commerciale

fernando greco
2022

Abstract

Con le due sentenze commentate la Corte di cassazione esamina la validità del contratto di locazione nel caso in cui il bene immobile sia abusivo e di impossibilità sopravvenuta del godimento. L’abusività non causa illiceità dell’oggetto e della causa; non è configurabile come vizio della cosa locata e non altera l’integrità del sinallagma contrattuale. In assenza di godimento, anche di mero fatto, per impossibilità di utilizzazione diretta o indiretta del bene, è applicabile la disciplina generale dell’art. 1463 c.c.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/471508
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact