Un vescovo sul crinale del Concilio