Soggettivazione e psicopedagogia: il singolare/plurale