«Un bello e spazioso campo di grano [...] d’avene, e di logli e d’erbe sterili e dannose mescolato»: varia fortuna di Dante tra Michelangelo e Caravaggio.