La scrivania di un romanista: le ‘ultime carte’ di Vincenzo Giuffrè