La storia come spazio d’interpretazione del potere. Considerazioni conclusive a margine del convegno