Madame de Grouchy e Adam Smith: confronto sulla sympathy. Dai moventi individuali all'equilibrio sociale