«Tenuità del fatto» e processo penale