«Me ipsum fugio». Inquietudine e fuga dal mondo nel «De inconstantia humani animi» di Antonio Galateo