«Demodiversità» e futuro ecologico