Tra “formale” e “informale”: il Capability Approach come generatore di valore