Lingua e immagine sociale. La spettacolarizzazione dell’improperio