La pedagogia della salute affronta questioni direttamente riferibili al problema del benessere personale e sociale di donne e uomini, della loro capacità di rispondere positivamente al cambiamento attivando nuove configurazioni cognitive, emotive, immaginative, etico-valoriali. Suo obiettivo prioritario è, dunque, la promozione e la salvaguardia di un benessere che si sostanzia nel pensare e praticare nuove forme di relazione io-mondo. In tal senso, il volume, traccia, tra il riferimento al paradigma teorico della complessità e la rivalutazione di alcuni passaggi esistenziali dell’esperienza trasformativa, le linee di un sapere che aiuti donne e uomini a "Imparare ad essere forti", a divenire empowered e resilienti, capacitanti ed efficaci. Lì dove “essere forti” significa esattamente il contrario del resistere, immobili, sulle posizioni di una vita, partire dalla consapevolezza della propria situazione di debolezza e di abbandono e, di qui, scoprire prima le nicchie, poi gli spazi di parola, di contatto, di partecipazione che permettono di scoprire possibilità di essere “non vinti”, “non in grado di essere sconfitti”, di fatto “invincibili”, per iniziare a governare i dolori, i traumi, gli eventi e le interpretazioni, “dando al disumano una forma umana”.

Imparare a essere forti

Giuseppe Annacontini
2019

Abstract

La pedagogia della salute affronta questioni direttamente riferibili al problema del benessere personale e sociale di donne e uomini, della loro capacità di rispondere positivamente al cambiamento attivando nuove configurazioni cognitive, emotive, immaginative, etico-valoriali. Suo obiettivo prioritario è, dunque, la promozione e la salvaguardia di un benessere che si sostanzia nel pensare e praticare nuove forme di relazione io-mondo. In tal senso, il volume, traccia, tra il riferimento al paradigma teorico della complessità e la rivalutazione di alcuni passaggi esistenziali dell’esperienza trasformativa, le linee di un sapere che aiuti donne e uomini a "Imparare ad essere forti", a divenire empowered e resilienti, capacitanti ed efficaci. Lì dove “essere forti” significa esattamente il contrario del resistere, immobili, sulle posizioni di una vita, partire dalla consapevolezza della propria situazione di debolezza e di abbandono e, di qui, scoprire prima le nicchie, poi gli spazi di parola, di contatto, di partecipazione che permettono di scoprire possibilità di essere “non vinti”, “non in grado di essere sconfitti”, di fatto “invincibili”, per iniziare a governare i dolori, i traumi, gli eventi e le interpretazioni, “dando al disumano una forma umana”.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/434835
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact