L’incipit della Posilecheata (1648) di Pompeo Sarnelli come specchio dell’opera: struttura e modelli