Partendo dal concetto di "vero, autentico" (zhen) nei testi teorici sulla pittura nella Cina antica, l'articolo analizza la sua presenza nel Bifaji, testo del decimo secolo attribuito al pittore Jing Hao, rilevando l'influenza della dottrina daoista, e le connessioni con la figura stessa dell'autore del trattato.

Il concetto di zhen nel Bifaji (Note sull’Ars pingendi, X secolo) e il convitato (daoista) di pietra

MAURIZIO PAOLILLO
2019

Abstract

Partendo dal concetto di "vero, autentico" (zhen) nei testi teorici sulla pittura nella Cina antica, l'articolo analizza la sua presenza nel Bifaji, testo del decimo secolo attribuito al pittore Jing Hao, rilevando l'influenza della dottrina daoista, e le connessioni con la figura stessa dell'autore del trattato.
978-88-3329-043-0
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/433430
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact