I porti, come le porte urbiche sono punti nevralgici per la sicurezza e l’integrità territoriale: sono precipuo elemento di comunicazione con l’altro, lo straniero, e pertanto sono entrambi sotto la tutela di Portunus, come ricorda lo scrittore latino Varrone. L’Adriatico conosce molte di queste “porte”, a partire dai due grandi poli, o, meglio, dai due grandi ports of trade protagonisti in età romana: Brindisi a sud, all’altezza dell’ os vadi, la “bocca” dell’Adriatico, ed Aquileia a nord, alla chiusura del mychòs, “intimo seno” del golfo e porta di accesso all’Europa.

I porti e gli approdi

R. Auriemma
2017

Abstract

I porti, come le porte urbiche sono punti nevralgici per la sicurezza e l’integrità territoriale: sono precipuo elemento di comunicazione con l’altro, lo straniero, e pertanto sono entrambi sotto la tutela di Portunus, come ricorda lo scrittore latino Varrone. L’Adriatico conosce molte di queste “porte”, a partire dai due grandi poli, o, meglio, dai due grandi ports of trade protagonisti in età romana: Brindisi a sud, all’altezza dell’ os vadi, la “bocca” dell’Adriatico, ed Aquileia a nord, alla chiusura del mychòs, “intimo seno” del golfo e porta di accesso all’Europa.
9788849235609
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/432573
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact