Sulla recente edizione di un’opera inedita di Cataldantonio Mannarino (1568-1621)