Mainländer, Cioran e il dio perduto