Girolamo Comi: la poesia come inno