Relazione esistenziale: Michela e Maria, un percorso del riconoscimento