Schönberg/Castellucci, per rimettere mano al giudizio di Dio