Tra estetica della totalità e immaginazione melodrammatica. Castellucci e Wagner