Per una teoria dell’ascolto musicale tra soglie vegetative e immaginario eccentrico