Canzoni, umorismo, nonsense: la tradizione poetica interrotta del libro XVI del Man'yōshū