Feticci digitali e memorie parallele. Una proposta minimalista