S’opposer sans se massacrer»: uscire dal vicolo cieco della contemporaneità