Beni comuni e razionalità discreta del diritto