Francesco de Geronimo e le periferie esistenziali del suo tempo