Alcune riflessioni morfo-sintattiche sul dialetto salentino