Nel volume e nel saggio introduttivo di Forcina si denuncia lo smarrimento del senso comune, la perdita del limite e la difficoltà di essere donne in un tempo di stravolgimento dei costumi quando l’uso paradossale delle rappresentazioni e costruzioni del corpo femminile, diventano parodia grottesca di una finta libertà ed espressione del sé. L’intento esplicito è quello non solo di indicare come pensare e di agire di conseguenza, ma di dare fiducia, di trasmettere libertà, narrare percorsi e pensieri che non chiudano il discorso o riscrivano un nuovo sistema, ma che raccontino come si possono generosamente impiegare le proprie risorse in direzione di una nuova tenuta che non è il governo della forza o del consenso, ma è intreccio di fili che, costruiscono tessuto sociale resistente ai falsi miti e alle fascinazioni di un potere che conta perché ha deciso prima e ha organizzato il consenso sulla base di sollecitazioni e promesse che sa di non poter mantenere. Il fine è di mostrare che è sempre possibile mantenere aperto uno spazio istituzionale non soggetto al potere e alle concertazioni programmate dal sistema economico e da quello dei media.

Che cosa ci sta succedendo?

Marisa Forcina
2009

Abstract

Nel volume e nel saggio introduttivo di Forcina si denuncia lo smarrimento del senso comune, la perdita del limite e la difficoltà di essere donne in un tempo di stravolgimento dei costumi quando l’uso paradossale delle rappresentazioni e costruzioni del corpo femminile, diventano parodia grottesca di una finta libertà ed espressione del sé. L’intento esplicito è quello non solo di indicare come pensare e di agire di conseguenza, ma di dare fiducia, di trasmettere libertà, narrare percorsi e pensieri che non chiudano il discorso o riscrivano un nuovo sistema, ma che raccontino come si possono generosamente impiegare le proprie risorse in direzione di una nuova tenuta che non è il governo della forza o del consenso, ma è intreccio di fili che, costruiscono tessuto sociale resistente ai falsi miti e alle fascinazioni di un potere che conta perché ha deciso prima e ha organizzato il consenso sulla base di sollecitazioni e promesse che sa di non poter mantenere. Il fine è di mostrare che è sempre possibile mantenere aperto uno spazio istituzionale non soggetto al potere e alle concertazioni programmate dal sistema economico e da quello dei media.
9788870485622
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/421761
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact