Lo studio prende in esame la ricezione del mito classico di Medea in rapporto all’estetica del postmodernismo russo. Da una breve incursione nel periodo postcomunista si delineano le fasi di risposta ad un momento di caos e di crisi profonda e si cerca di dimostrare come la mitopoiesi sia lo strumento attraverso cui molte autrici, prima fra tutte Ljudmila Ulickaja, cercano di costruire una nuova dimensione del sé e della realtà circostante.

"Medeja i ejo deti" di Ljudmila Ulickaja. Riverberi postmoderni nella letteratura russa femminile contemporanea.

Gloria Politi
2017

Abstract

Lo studio prende in esame la ricezione del mito classico di Medea in rapporto all’estetica del postmodernismo russo. Da una breve incursione nel periodo postcomunista si delineano le fasi di risposta ad un momento di caos e di crisi profonda e si cerca di dimostrare come la mitopoiesi sia lo strumento attraverso cui molte autrici, prima fra tutte Ljudmila Ulickaja, cercano di costruire una nuova dimensione del sé e della realtà circostante.
9788867605019
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/418433
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact