Arte mentale: Vasari, Borghini e il Principe