La critica della scultura in legno tra determinismo e "vocazione formale"