Le politiche di conciliazione in Svezia, Olanda, Francia e Germania