I pesci e il pavone: Contro la valutazione meritocratica della ricerca scientifica