Il saggio esamina il ruolo e la riflessione svolta dalla figura intellettuale e politica di Antonio de Viti de Marco durante il primo conflitto mondiale. Esponente di spicco della democrazia radicale e convinto sostenitore dell'opzione liberista come chiave per affrancare il Mezzogiorno d'Italia dalla morsa del sottosviluppo politico ed economico, allo scoppio della Prima guerra mondiale de Viti de Marco fu uno dei pochi che, in Italia, seppe inquadrare la necessità dell'intervento in guerra a fianco dell'Intesa come necessario, oltre che completare il processo di unificazione nazionale, soprattutto per sconfiggere il principale nemico del progresso nell'Europa dell'epoca, vale a dire l'imperialismo della Germania guglielmina e dell'Impero austro-ungarico. Il saggio ricostruisce le basi teoriche e politiche su cui andò maturando tale precisa impostazione politica, dimostrando come essa derivasse dall'influsso esercitato sul marchese salentino dalle riflessioni sviluppate nei circoli liberali progressisti britannici, oltre che dalla profonda ammirazione nutrita nei confronti di Woodrow Wilson, che fecero di de Viti de Marco uno dei principali esponenti del wilsonismo italiano.

Internazionalismo e meridionalismo ne "La Guerra europea" di Antonio de Viti de Marco

Alessandro Isoni
2017

Abstract

Il saggio esamina il ruolo e la riflessione svolta dalla figura intellettuale e politica di Antonio de Viti de Marco durante il primo conflitto mondiale. Esponente di spicco della democrazia radicale e convinto sostenitore dell'opzione liberista come chiave per affrancare il Mezzogiorno d'Italia dalla morsa del sottosviluppo politico ed economico, allo scoppio della Prima guerra mondiale de Viti de Marco fu uno dei pochi che, in Italia, seppe inquadrare la necessità dell'intervento in guerra a fianco dell'Intesa come necessario, oltre che completare il processo di unificazione nazionale, soprattutto per sconfiggere il principale nemico del progresso nell'Europa dell'epoca, vale a dire l'imperialismo della Germania guglielmina e dell'Impero austro-ungarico. Il saggio ricostruisce le basi teoriche e politiche su cui andò maturando tale precisa impostazione politica, dimostrando come essa derivasse dall'influsso esercitato sul marchese salentino dalle riflessioni sviluppate nei circoli liberali progressisti britannici, oltre che dalla profonda ammirazione nutrita nei confronti di Woodrow Wilson, che fecero di de Viti de Marco uno dei principali esponenti del wilsonismo italiano.
978-88-9391-225-9
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/416464
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact