La collaborazione tra Carolina ed Etta si nutre degli ideali del "femminismo pratico"