lo studio delle relazioni fra uomo ed ambiente è fondamentale per la comprensione delle dinamiche culturali e sociali, soprattutto nelle comunità che adottano per la prima volta un’economia di tipo agricolo o agro-pastorale. l’obiettivo principale di questo lavoro è quello di valutare i caratteri e le dinamiche dell’interazione uomo-ambiente in un periodo compreso tra il 6.200 ed il 3.700 bC nella regione pugliese, sulla base delle evidenze paleoclimatiche, paleoambientali e paleoagricole. seguendo un approccio multidisciplinare si è cercato di confrontare il dato del popolamento antropico, fornito dalle evidenze archeologiche, con i dati paleoambientali e paleoclimatici disponibili grazie ad alcune sequenze naturali off-shore e off-site. Questi dati sono stati di seguito confrontati con i resti archeobotanici (carboni e semi) provenienti da 35 insediamenti compresi tra vii e iv millennio. tale approccio ha messo in evidenza possibili processi di trasformazione delle comunità neolitiche in relazione ad oscillazioni di alcuni parametri quali temperature e precipitazioni che potrebbero aver influito in misura differente sulle modalità di interazione tra uomo e ambiente, sia in termini di dinamiche insediative sia in relazione a specifiche scelte agronomiche.

Cambiamenti climatici ed interazioni uomo-ambiente in Puglia durante il Neolitico

Girolamo Fiorentino
;
Milena Primavera;Cosimo D’oronzo;
2017

Abstract

lo studio delle relazioni fra uomo ed ambiente è fondamentale per la comprensione delle dinamiche culturali e sociali, soprattutto nelle comunità che adottano per la prima volta un’economia di tipo agricolo o agro-pastorale. l’obiettivo principale di questo lavoro è quello di valutare i caratteri e le dinamiche dell’interazione uomo-ambiente in un periodo compreso tra il 6.200 ed il 3.700 bC nella regione pugliese, sulla base delle evidenze paleoclimatiche, paleoambientali e paleoagricole. seguendo un approccio multidisciplinare si è cercato di confrontare il dato del popolamento antropico, fornito dalle evidenze archeologiche, con i dati paleoambientali e paleoclimatici disponibili grazie ad alcune sequenze naturali off-shore e off-site. Questi dati sono stati di seguito confrontati con i resti archeobotanici (carboni e semi) provenienti da 35 insediamenti compresi tra vii e iv millennio. tale approccio ha messo in evidenza possibili processi di trasformazione delle comunità neolitiche in relazione ad oscillazioni di alcuni parametri quali temperature e precipitazioni che potrebbero aver influito in misura differente sulle modalità di interazione tra uomo e ambiente, sia in termini di dinamiche insediative sia in relazione a specifiche scelte agronomiche.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11587/415348
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact